16 febbraio 2016

BREVE NOTA BIOGRAFICA DELL'AUTORE
Salvatore Rosario Mancuso è nato a Giardini Naxos (ME) il 31 maggio 1945, da padre operaio e madre ricamatrice. Dopo avere conseguito il diploma all'ITIS E. Fermi di Giarre (CT) si è iscritto alla Facoltà di Sociologia di Trento, dove si è laureato nel novembre del 1971, col massimo di voti e la lode. Ha subito insegnato Sociologia generale ed Antropologia culturale alla Scuola Regionale di Servizio Sociale di Trento, svolgendo, nel contempo, il ruolo di assistente volontario alla cattedra di Sociologia Urbano Rurale dell'Università di Trento, diretta dal prof. Franco De Marchi. 
Dopo due anni, avendo vinto una borsa di studio internazionale presso l'Istituto Universitario di Studi Europei, si è trasferito a Torino, sede dell'Istituto. Successivamente, dopo avere collaborato con la rivista Piemonte Sindacale, è entrato a far parte attiva della Cisl Torinese diretta da Cesare Delpiano, interrompendo così il suo percorso accademico ed optando per l'azione e la militanza sociale. Una scelta molto sentita e fortemente motivata, fatta per stare dalla parte dei lavoratori, nel nome della libertà dal bisogno, dell'uguaglianza delle opportunità e della giustizia sociale.
Una scelta, questa, che non ha più abbandonato.
Nella Cisl ha ricoperto ruoli dirigenziali di segretario provinciale, regionale e nazionale, nei settori dell'industria alimentare e metalmeccanica, che lo hanno portato da Torino a Roma negli anni che vanno dal 1979 al 1991.
Nel 1992 ha scelto di tornare nella terra d'origine, per mettere al servizio della propria gente, l'esperienza accumulata in due decenni di battaglie sindacali, condotte sul campo della contrattazione aziendale, territoriale e nazionale.
Nella Cisl Siciliana c'è stato per quindici anni, dove ha ricoperto l'incarico di Segretario Regionale responsabile del settore industria, per sei anni; di segretario generale della Cisl di Trapani, per sette anni; di Presidente Regionale del Centro Nazionale per la Cooperazione e l'Autogestione,  CENASCA, per gli ultimi due anni. 
Dal 2008 è un ex sindacalista in pensione, vive a Palermo, dove risiede con la sua famiglia, si dedica alla vita privata, senza tralasciare l'interesse per lo studio e l'interpretazione dei fenomeni sociali della nostra epoca, e coltiva la passione innata di scrivere pensieri in versi.

Nessun commento:

Posta un commento